NDRANGHETA:SANITA’;PM,A ANNOZERO RECITA CREA CONTRO FORTUGNO

{mosgoogle}REGGIO CALABRIA, 29 GEN – «Una studiata recita a soggetto, messa in atto con fredda determinazione, così da sferrare un tremendo colpo basso alla moralità del defunto Francesco Fortugno». A compierla, secondo i magistrati della Dda di Reggio Calabria, è stato Domenico Crea, il consigliere regionale di centrodestra arrestato ieri nell'inchiesta sui rapporti mafia-politica nella sanità, nel corso della famosa intervista «rubata» andata in onda su Annozero. I pm antimafia, prendendo spunto dalle intercettazioni ambientali fatte dai carabinieri e nelle quali si sente Crea fare la contabilità dei fondi a disposizione dei vari assessorati e dell'importanza per i suoi collaboratori che ci sia lui in un posto di vertice, lo descrivono come «spigliato, freddo e smaliziato: un vero 'boss' che tratta con il proprio 'consigliorì. Tutt'altra persona – sottolineano poi – rispetto al Crea-parvenu, impacciato ed a disagio, restituito dalla famosa intervista 'rubatà di Annozero, durante la quale addirittura bacia il giornalista scambiandolo per un 'comparè». «Anzi – affermano i pm – a questo punto viene da pensare che il Crea di Annozero fosse frutto di una studiata recita a soggetto fingendo di non accorgersi che la telecamera ed il microfono erano in agguato, così da poter sferrare un tremendo colpo basso alla moralità di Fortugno, della cui morte Crea fornisce la propria bieca spiegazione collegandola a non meglio precisati impegni 'presi e non mantenutì. Senza ovviamente dire da chi nè quando». (ANSA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *