‘NDRANGHETA/ARRESTO TEGANO: PECORA A RADIO ANCH’IO, E ADESSO ARRESTIAMOLI TUTTI

{mosgoogle}REGGIO CALABRIA – “Lo slogan, adesso, parafrasando il nostro, potrebbe essere ‘e adesso arrestiamoli tutti'”. Lo ha detto, intervenendo a Radio Anch’io (Radio 1 Rai), Aldo Pecora, leader del movimento antimafia ‘E adesso ammazzateci tutti’ costituito nel 2005 dopo l’assassinio a Locri del vicepresidente del Consiglio regionale della Calabria, Francesco Fortugno. “Con il nostro sit-in davanti la Questura di Reggio Calabria – ha aggiunto Pecora – abbiamo voluto contrapporci a quanti il giorno prima avevano espresso solidarietà al boss Giovanni Tegano. Tutti ‘parenti serpenti’ di un boss, che sono numerosi nella famiglie di mafia. La realtà è che è in atto una rinascita del territorio della provincia di Reggio Calabria grazie all’impegno delle forze dell’ordine, che stanno colpendo i patrimoni illeciti ed effettuando importanti arresti. Basti pensare che dal febbraio del 2008 sono stati arrestati tre tra i più importanti boss storici della ‘ndrangheta, Pasquale Condello, Paolo De Stefano jr e adesso Giovanni Tegano. Va rivolto, dunque, un plauso alle forze dell’ordine ed alla magistratura reggina per i grandi passi in avanti che sono stati compiuti”. Secondo Pecora, “a Locri, in questi cinque anni che sono trascorsi dall’omicidio di Fortugno, la situazione è cambiata perché la gente e più consapevole. Questo avrebbe dovuto portare ad un impegno maggiore di tutti contro la criminalità, che però è sempre lo stesso e non si è concretizzato in qualcosa di più grande. Io però confido nei giovani, che hanno sempre una marcia in più, come noi stiamo dimostrando”. (ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *