A LAMEZIA TERME CITTADINI ED ISTITUZIONI RICORDANO PAOLO BORSELLINO IL 18 LUGLIO.

{mosgoogle}Lamezia Terme (CZ), 16.07.2013 – Giovedì 18 Luglio alle ore 21:30 si svolgerà presso la Piazzetta “San Domenico” di Lamezia Terme (CZ) l’iniziativa dal titolo “Paolo Borsellino, 21 anni dopo: la Calabria in movimento per la Giustizia e la Legalità”, organizzata dal movimento antimafie “Ammazzateci tutti”, in collaborazione con la Città di Lamezia Terme e la Provincia di Catanzaro. Come accade dal 2010, anche quest’anno il movimento antimafie “Ammazzateci tutti” con in prima linea il coordinamento lametino, organizza una commemorazione di carattere regionale per Paolo Borsellino, magistrato ucciso da Cosa Nostra con un attentato dinamitardo in Via d’Amelio a Palermo il 19 luglio 1992, a 57 giorni dalla morte del suo amico e collega Giovanni Falcone a causa di un altro attentato avvenuto allo svincolo autostradale di Capaci. I due giudici siciliani sono tra i maggiori simboli delle oltre 300 vittime di mafia. Hanno dato la loro vita gettandosi a capofitto nell’istruire il primo maxi-processo contro la criminalità organizzata, seguendo piste complesse e sapendo collegare con abilità e geniale intuito le dichiarazioni dei cosiddetti “pentiti”. Le loro indagini e i risultati conseguiti stavano rendendo concreta un’antimafia fino ad allora fatta soltanto di astratte supposizioni. All’iniziativa prenderanno parte il Sindaco di Lamezia Terme Gianni Speranza, l’On. Rosanna Scopelliti, il Questore di Catanzaro Guido Marino, il Procuratore Aggiunto della DDA di Catanzaro Giuseppe Borrelli, il presidente nazionale di “Ammazzateci tutti” Aldo Pecora e il Prefetto di Catanzaro Antonio Reppucci. “Ammazzateci Tutti” si impegna ad organizzare tale incontro di rilievo a Lamezia Terme non solo per mostrare gli aspetti di valore umano e professionale di Paolo Borsellino, ma soprattutto per porre le basi per un cammino di lotta alla ‘ndrangheta che veda protagonisti in un percorso comune la società civile e le Istituzioni operanti sul territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *