Mafia Capitale: presi i responsabili dell’omicidio di Silvio Fanella, ex cassiere di Mokbel

Dalle indagini della Dda romana sul “Mondo di mezzo” emerse nuove responsabilità nel delitto

ROMA, 18 DIC – La Squadra Mobile di Roma sta effettuando diversi arresti e numerose perquisizioni nell’ambito delle indagini sull’omicidio di Silvio Fanella, considerato l’ex cassiere di Gennaro Mokbel, ucciso a luglio nella sua abitazione di Roma alla Camilluccia. Le indagini sono state coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Roma.

Le indagini vanno a colpire gli esecutori e organizzatori del tentato sequestro sfociato nell’omicidio di Fanella, rivelando – a quanto reso noto – il coinvolgimento a vario titolo di numerose persone, pregiudicate e legate all’estrema destra, che gravitano sul litorale romano di Ostia, in Piemonte, Lombardia e Trentino Alto Adige.

Tra gli arrestati, Emanuele Macchi di Cellere, ex N.A.R. fermato nel sud della Francia dalla Squadra Mobile di Roma lo scorso settembre, e Manlio Denaro, gia’ coinvolto nelle indagini sulla truffa Fastweb Telecom Sparkle. La polizia ha arrestato gia’ nei mesi scorsi i presunti esecutori materiali dell’omicidio: Giovanni Battista Ceniti, rimasto ferito durante il delitto, Egidio Giuliani e Giuseppe Larosa, rintracciati a Roma e a Novara lo scorso 7 settembre.

(ANSA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *