Ancora malasanità?


BELVEDERE MARITTIMO – Una bambina muore a 13 anni per una banale febbre. Secondo la Procura della Repubblica di Paola è escluso che si tratti di una circostanza accidentale.

Giovanna VicinanzaCi sono delle responsabilità. Per la procura della Repubblica di Paola è escluso che si tratti di una circostanza accidentale. Non è escluso che nelle prossime ore si possa parlare di persone iscritte nel registro degli indagati.
Insomma cominciano a dipanarsi i dubbi sulla morte di Giovanna Vicinanza, la ragazzina tredicenne deceduta la sera di venerdì a Belvedere Marittimo. Escludere la accidentalità vuol dire che si aprono nuovi scenari su quanto accaduto la sera del 1 febbraio. O meglio su quanto è accaduto nei trenta giorni precedenti la morte della ragazzina.

Perché nessun medico si è preso la briga di studiare a fondo il male che stava piegando la giovane?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *