I Bronzi di Riace al G8? Vadano con il nostro slogan.


Come to Calabria REGGIO CALABRIA – «È auspicabile che assieme ai Bronzi di Riace la Calabria possa esprimere anche qualcosa in più al prossimo vertice del G8». Ad affermarlo, in una nota, sono Aldo Pecora, portavoce del Movimento 'Ammazzateci Tutti', costituito a Locri dopo l'omicidio del vicepresidente del Consiglio regionale Francesco Fortugno, e Rosanna Scopelliti, figlia del giudice Antonino Scopelliti, ucciso dalla mafia nell'agosto del 1991.

«Purtroppo – aggiungono – il ricordo indelebile che la nostra terra ancora rievoca a livello internazionale è la strage di Duisburg, ed i Bronzi sono solo il meraviglioso cellophane di un sistema logorato dalla 'ndrangheta e dal malaffare, dove le forze sane sono abbandonate a se stesse». Pecora e Scopelliti propongono di esportare alla Maddalena anche lo storico striscione «E adesso ammazzateci tutti». «Oggi i guerrieri magnogreci – proseguono – non reggono più lance e scudi. Forse far reggere loro il nostro striscione sarebbe un'occasione irripetibile per far vedere a tutto il mondo che la Calabria e l'Italia non sono solo demagogia e mafia».

(ANSA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *