BRUNO CONTRADA SMENTISCE DI AVER CHIESTO LA GRAZIA A NAPOLITANO

{mosgoogle}CATANIA – L’ex dirigente del Sisde Bruno Contrada smentisce di aver chiesto la grazia al presidente della Repubblica. In una lettera scritta nel carcere militare di Santa Maria Capua Vetere, dove sta scontando una condanna a 10 anni per concorso in associazione mafiosa, Contrada afferma: “All’inizio del sedicesimo anno del mio calvario intendo continuare ad urlare la totale estraneita’ alle infamanti accuse rivoltemi. Lo faro’ fino a quando avro’ un filo di voce che mi permettera’ di rivolgermi a qualsiasi giudice disposto ad ascoltarmi. Per questo motivo non ho chiesto alcuna grazia, poiche’ questa riguarda i colpevoli”. Nel testo, diffuso dal suo difensore, avvocato Giuseppe Lipera, l’ex alto funzionario della polizia puntualizza: “Voglio quindi rasserenare gli animi dei parenti delle vittime della mafia che hanno manifestato le loro opinioni senza conoscere personalmente l’uomo Bruno Contrada e quello che lui ha compiuto nella lotta contro la mafia. Spero cosi’ -conclude- che i toni di questi giorni vengano smorzati e ringrazio coloro che hanno creduto e credono in me”. (AGI)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *