GIUSTIZIA: CASSAZIONE, RESPINTO RICORSO DE MAGISTRIS

{mosgoogle}(ANSA) – ROMA, 14 LUG – Il ricorso del Pm di Catanzaro, Luigi De Magistris, e' inammissibile perche' presentato fuori dai termini previsti. Le Sezioni unite della Corte di Cassazione hanno confermato, quindi, il provvedimento disciplinare del Csm che aveva disposto il trasferimento di funzioni e sede. Il provvedimento riguardava alcune violazioni durante la conduzione delle inchieste Why Not, Poseidone, e Toghe Lucane. Anche il ministro della Giustizia aveva fatto ricorso contro la sentenza del Csm per la fuga di notizie e i rapporti con la stampa che avrebbe avuto De Magistris e che per il Csm non erano censurabili mentre per il Ministero erano condotte da punire. Il ricorso del Ministero e' stato anch'esso dichiarato inammissibile per le stesse motivazioni, cioe' perche' presentato ritardo. Secondo la Cassazione, infatti: 'il ricorso per Cassazione contro le sentenze della sezione disciplinare del Csm, che a norma dell'articolo 24 d.lgf. n.109/06 va proposto nei termini e con le forme previste dal codice di procedura penale, deve essere presentato e fatto pervenire mediante telegramma con lettera raccomandata alla segreteria della sezione disciplinare, nel termine di 30 giorni'. Se il caso e' particolarmente complesso, si puo' indicare un termine piu' lungo, ma non era il caso di De Magistris, ne' del ministero. (ANSA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *