Camorra: ai domiciliari “riceveva” pregiudicati, ora il boss è in carcere

A 71 anni torna in carcere “Michele dei Tribunali”

NAPOLI, 5 dic. – Ai domiciliari il boss continuava a incontrare pregiudicati. E’ tornato cosi’ in carcere a 71 anni Michele Elia, capo storico dell’omonimo clan del Pallonetto di Santa Lucia, a Napoli. Meglio conosciuto come “Michele dei Tribunali” l’uomo, che stava scontando una pena in regime di arresti domiciliari, e’ stato arrestato dalla polizia in seguito a un provvedimento di aggravamento della misura detentiva. Il boss che deve espiare una pena restrittiva a 6 anni, era destinatario di un provvedimento emesso dalla procura ieri, con il quale e’ stata disposta la sospensione del beneficio dei domiciliari. Michele Elia era stato arrestato il 4 aprile 2011 nella sua abitazione per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio, in concorso con alcuni familiari. Nel corso di un servizio per il controllo del territorio, carabinieri notarono una parente del boss scendere da casa con un involucro in mano e, ritenendo che contenesse droga, la fermarono trovando marijuana. Una perquisizione in casa fece sequestrare circa 400 grammi tra cocaina, marijuana e hashish.

(AGI)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *