Palermo: a procurare il tritolo per Di Matteo sarebbe stato il boss Graziano

La Guardia di Finanza sta passando al setaccio la città per scovare l’esplosivo

PALERMO, 16 dic – Il blitz della Guardia di finanza e’ scattato all’alba, mentre su Palermo si abbatteva un forte temporale. Le Fiamme gialle sono entrate in azione in una piccola stradina all’Acquasanta, vicolo Pipitone, nei pressi dei Cantieri navali. La segnalazione di Galatolo era precisa: a procurare il tritolo, secondo il racconto dell’uomo che sta riempiendo verbali e verbali in queste ultime settimane, sarebbe stato Vincenzo Graziano, ritenuto il reggente di Resuttana.

Secondo Galatolo cento chili di tritolo provengono dalla Calabria. Il fermo di Graziano, eseguito dalla Guardia di Finanza, e’ stato disposto dal procuratore aggiunto Vittorio Teresi e dai sostituti Francesco Del Bene, Amelia Luise, Annamaria Picozzi, Dario Scaletta e Roberto Tartaglia.

In queste ore sono centinaia gli uomini del nucleo speciale di polizia valutaria della Guardia di finanza, del comando provinciale e del Gico che stanno passando al setaccio, oltre al condominio, anche l’area circostante. Graziano era stato arrestato il 23 giugno scorso dalle Fiamme gialle nell’ambito dell’operazione “Apocalisse”, che aveva portato a oltre 90 misure cautelari, la maggior parte in carcere. Graziano era tornato in liberta’ a luglio, per decisione del tribunale del Riesame di Palermo.

(ANSA)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *