BOMBA A BRINDISI: DOBBIAMO REAGIRE!

BOMBA BRINDISI: PECORA (AMMAZZATECI TUTTI), “DOBBIAMO REAGIRE”.

ROMA – I ragazzi di “Ammazzateci tutti” sono oggi presenti a Brindisi e nelle piazze di tutta Italia per manifestare la loro solidarietà e il loro sdegno per quanto accaduto.
<<Qualunque sia la matrice dell’attentato di oggi a Brindisi, non possiamo far finta di niente: gli episodi degli ultimi mesi rappresentano una delle stagioni più buie degli ultimi vent’anni. Dobbiamo reagire, prima che sia davvero troppo tardi>>. E’ quanto detto a Piazza del Pantheon a Roma oggi dal Presidente nazionale di “Ammazzateci tutti” Aldo Pecora, che ha partecipato all’iniziativa promossa da associazioni e liberi cittadini. <<Melissa Bassi aveva il diritto alla vita, il diritto di amare, studiare e tutte quelle cose che dovrebbero essere naturali per ogni ragazza e ragazzo della sua età>>. <<Anche se è inutile –ha concluso, visibilmente commosso, il giovane leader antimafia – vorrei dire al suo papà e alla sua mamma che non sono e non saranno mai soli. Buonanotte, Melissa>>.  

 

 

LETTERA APERTA DI SILVIA MILANI, COORDINATRICE “AMMAZZATECI TUTTI” PUGLIA

Ci risiamo.

In queste prime ore dopo la tremenda, terribile, odiosa, angosciosa esplosione di questa mattina a Brindisi non si conosce la “matrice” di questo ulteriore fatto di sangue.

Non vogliamo spingerci in ipotesi, non tocca a noi; facciamo lavorare Magistrati e Forze dell’Ordine. L’esperienza insegna che i primi accertamenti sono fondamentali, per arrivare alla verità.

Le coincidenze, però, sono tante.

Siamo a vent’anni esatti dalla Strage di Capaci, la Procura di Brindisi ha inferto duri ed importanti colpi alla Sacra Corona Unita proprio nelle settimane scorse.

Ma ciò che tocca è l’obiettivo : più di una bomba è stata fatta esplodere davanti ad una Scuola, che porta il nome di Francesca Morvillo e Giovanni Falcone.

Una Scuola, appunto.

Il luogo istituzionalmente deputato a far crescere, educare i bambini, i ragazzi, i giovani.

Il luogo ritenuto SICURO per antonomasia, il luogo dove ogni genitore affida il proprio figlio, certo che non gli succederà niente.

No, la Scuola non si tocca !

Non sappiamo se “è stata la Mafia” o si tratta di “criminalità comune” (che differenza fa ?), ma non possiamo consentire che cominci una nuova stagione della tensione.

Il nostro abbraccio va a chi è stato direttamente colpito da questo vile attentato, va a tutta la Città di Brindisi.

Siamo con Voi.

Rimaniamo UNITI.

Bari, 19 maggio 2012

Silvia Milani
Coordinatrice Ammazzateci Tutti Puglia
Studentessa 17enne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *