Il Prefetto Dispenza, Direttore Centrale Affari Generali della Polizia di Stato, incontra gli studenti vibonesi.

Incontro giovedi’ 18 maggio a Vibo Valentia

Vibo Valentia, 16/05/2017 – Arriva dal Dipartimento di Pubblica Sicurezza il Prefetto Filippo Dispenza, tra i massimi vertici della Polizia di Stato, Direttore Centrale Affari Generali, per incontrare gli studenti vibonesi.
Si terrà Giovedì 18 alle ore 11:00 Presso l’Auditorium della Scuola Allievi Agenti della Polizia di Stato l’incontro promosso Liceo Scientifico “G. Berto” di Vibo Valentia, dall’Associazione “ConDivisa”, dal Movimento Antimafia “Ammazzateci Tutti” e con media partner “Sostenitori delle Forze dell’Ordine” (che trasmetterà in diretta dalla nota pagina ufficiale Facebook l’evento) dal titolo “Poliziotti alleati dei cittadini contro la ‘ndrangheta”.
L’iniziativa è inserita all’interno della tappa vibonese della manifestazione nazionale “Memoria in Marcia” patrocinata dalla Polizia di Stato e promossa da Tina Montinaro, vedova del Caposcorta del Giudice Giovanni Falcone.
Dopo i Saluti del Questore Filippo Bonfiglio, della Preside del Liceo “Berto” Teresa Goffredo e del Presidente dell’Associazione “ConDivisa” Lia Staropoli, interverranno, il Procuratore di Vibo Valentia Bruno Giordano, il Prefetto Filippo Dispenza, Direttore Centrale per gli Affari Generali della Polizia di Stato, Tina Montinaro, vedova del Caposcorta del Giudice Giovanni Falcone ed il Prefetto di Vibo Valentia Guido Longo. A coordinare i lavori il giornalista Aldo Pecora, presidente del Movimento Antimafia “AmmazzateciTutti”, che dichiara: “Abbiamo fortemente voluto questo evento, per la caratura umana e professionale degli ospiti. Ma soprattutto perché torniamo, a un anno dalla visita del comandante generale dei Carabinieri Generale Del Sette, sempre a Vibo e sempre insieme al Liceo “Berto”, con testimonianze dirette e di primissimo piano di chi l’antimafia la pratica quotidianamente e lontano dai riflettori. Perché crediamo che i ragazzi e le ragazze calabresi abbiano bisogno di esempi concreti, “imitabili” e non di retorica e promesse che mai nessuno manterrà”. “Un appuntamento con la legalità che diventa ancor più importante alla luce dell’importantissima operazione contro il clan Arena condotta dalla DDA diretta dal dott. Gratteri. Arresti che, purtroppo e per fortuna, non hanno riguardato solo consorterie criminali ma anche, nuovamente, quella “nuova ‘ndrangheta” che riesce a infiltrare finanche personaggi e realtà ritenute insospettabili. Per questo bisogna alzare la guardia ed essere sempre più esigenti, anche e soprattutto all’interno delle nostre realtà associative”.
“Queste iniziative contribuiscono ad avvicinare i ragazzi alle Forze dell’Ordine – spiega invece la Preside del “Berto” Teresa Goffredo – trasmettendo loro i valori autentici della legalità e la consapevolezza che il prezioso contributo dei cittadini è determinante per difendere la sicurezza sul proprio territorio. Anche l’alternanza scuola – lavoro per i nostri ragazzi è stata pianificata con gli istruttori della Scuola Allievi Agenti di Polizia e della Base del GOC dei Carabinieri”.
“Nei territori ad altissima densità mafiosa – conclude Lia Staropoli, Presidente dell’Associazione “ConDivisa” – ci proponiamo di formare i cittadini alla legalità e al senso del dovere, raccontando i sacrifici quotidiani di coloro che indossano una divisa, attraverso la diretta testimonianza degli uomini e delle donne delle Forze dell’Ordine, che talvolta, hanno pagato il prezzo più alto per tutelare la nostra sicurezza”. Parteciperanno all’incontro le delegazioni della maggior parte delle scuole vibonesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *